mercredi 8 septembre 2010

Cheesecake crémeux coco et myrtilles (sans cuisson) et actu pour les fans de macarons

Blueberry and coconut cheesecake

Versione italiana più giù

Quand on pense au cheesecake on pense à New York où est né le vrai, l'original ;-) Le cheesecake est aussi un symbole anglosaxon, même très anglosaxon, ils en raffolent. Même si en réalité le concept de gâteau sucré au fromage est très répandu dans le monde et en particulier en Europe.
On trouve le cheesecake sur toutes les cartes de desserts des restaurants (du moins en Californie) avec la crème brûlée (et oui), un gâteau au chocolat et le bread pudding (dont j'ai redécouvert le grand charme). C'est un gâteau qui se prête à tous les défilés de goûts, de cuissons et de dimensions. En effet, vu qu'aux Etats-Unis tout est vraiment plus grand (les routes, les voitures bien sûr mais aussi les lits et les coussins :-), les gâteaux sont souvent énormes, soit en hauteur qu'en largeur.

Ceci dit, comme partout, il faut bien tomber, le cheesecake peut être inoubliable comme très vite oubliable (trop sucré, dense, des parfums artificiels...). Ici, je me suis vaguement inspirée d'un cheesecake très frais et crémeux gôuté dans un restaurant (sans cuisson et avec de la crème fraîche montée, servi à peine fait). J'ai souhaité lui donner un petit air de fin de vacances avec le coco et les myrtilles, une association délicieuse déjà goûtée dans un smoothie. En plus, les myrtilles sont des fruits très aimés aux Etats-Unis, on trouve toujours par exemple des blueberry muffins au petit déjeuner.
Finalement, cette version est plus européenne, un peu riquiqui dans les dimensions, crémeuse (presque trop, mais je n'ai as peu la patience d'attendre avant de le prendre en photo ;-) et même assez légère. J'ai utilisé de la gélatine en poudre (très quotée par les pro ;-) qui est en effet très pratique puisque on la fait fondre directement dans l'eau. En général, il faut calculer le double par rapport aux feuilles et 5 fois le poids d'eau tiède par rapport à celui de la gélatine en poudre.
Le parfum du coco, dans les biscuits et dans la crème, est subtil et met en évidence la fraîcheur des myrtilles.
Là aussi vous pouvez tout modifier à votre guise avec d'autres fruits et même le rendre plus présentable en remplaçant le lait de coco par de la crème fleurette montée. Très bon et facile, comme tous les cheesecakes...

N.B. Ne manquez pas le billet de vendredi, il y aura une petite surprise

Cheesecake au coco et myrtilles (sans cuisson) (pour 4-6 personnes)

Pour les biscuits au coco (il en restera), 180 g seront nécessaires
- 125 g de noix de coco) râpée
- 100 g de sucre
- 2 oeuf moyens (100 g)
Pour la crème et la base:
- 100 g de beurre
- 200 g de cream cheese type Philadelphia ou Saint Moret ou fromage à tartiner
- 100 g de sucre glace
- 1 cs de noix de coco râpée
- 80 g de bon lait de coco (ou de crème de coco)
- 20 g de crème fleurette
- 2 c à thé rases de gélatine en poudre + 30 g d'eau tiède-chaude (ou 2 feuilles de gélatine soit 4 g)
- myrtilles fraîches.

1. Préparer les biscuits au coco (même la veille). Préchauffer le four à 200°C. Mélanger les ingrédients jusqu'à obtenir une pâte homogène. Former des boules ou des disques et cuire pendant 1 quart d'heure environ (cela dépendra aussi de l'épaisseur de chaque biscuit), jusqu'à ce qu'il soient dorés. Laisser refroidir sur une grille.
2. Préparer le gâteau. Faire fondre le beurre. Mixer les biscuits au coco puis y verser le beurre tiède ou froid. Former une base de biscuits dans un moule au fond amovible ou, encore mieux, un cercle ou carré à entremet posé sur une plaque avec du papier film ou cuisson. Ecraser bien avec une cuillère de manière à ce qu'elle soit compacte. Mettre au réfrigérateur au moins 30 minutes.
3. A l'aide d'un fouet, mélanger délicatement le fromage, la noix de coco et le sucre. Le mélange doit être homogène mais pas liquide. Faire dissoudre la gélatine en poudre dans l'eau pendant 5-10 minutes (ou tremper les feuilles de gélatine dans l'eau froide pendant un quart d'heure puis les essorer et les faire fondre à feu très doux). Chauffer la crème et y faire fondre la gélatine. Faire un peu refroidir.
4. Ajouter le lait de coco et la crème avec la gélatine, au fromage sucré, bien mélanger afin que l'ensemble épaissis. Verser sur la base de biscuits au coco. Parsemer de myrtilles et laisser prendre au réfrigérateur une nuit (pour gagner du temps on peut le passer d'abord au congélateur deux heures). Servir frais.


Actu de la semaine. Vous êtes fan de macarons? Vous connaissez sûrement Mercotte, la reine des macarons (et pas que) et son site superbe, pédagogique, gai. Je vous ai déjà parlé de mon enthousiasme pour son livre Solutions Macarons que je trouve vraiment réussi. Et bien Mercotte nous fait encore craquer pour ses macarons (en croquant dans la pomme ;-) puisqu'elle a lancé une application universelle (iPod touch, iPhone et iPad) sur les macarons. Riche en explications, trucs, astuces, gestes, recettes et de magnifiques photos, vous ne pourrez que les réussir.
Vous pouvez tout découvrir ici.



Cheesecake au coco et myrtilles

Versione italiana

Il cheesecake è anglosassone per antonomasia (anche se vabbeh il concetto di dolce al formaggio è molto diffuso in particolare in Europa). Fatto sta' che gli anglosassoni ne vanno matti e si trova su tutte le carte dei desserts dei ristoranti (almeno in California), insieme alla crème brûlée (eh si'), il dolce al cioccolato e il bread pudding (di cui ho riscoperto il grande fascino).
Il vero cheesecake (si fa' per dire) è quello New yorkese anche se poi ha subito mille varianti, cotture, sapori e ha assunto varie dimensioni. Visto che negli Stati Uniti è tutto mooolto più grande (non solo le macchine o le strade ma anche i letti per dire) esistono dei cheesecake immensi e altissimi.
Come ovunque, bisogna capitare bene, il cheesecake puo' essere goduriosissimo come facilmente dimenticabile (tipo troppo denso, dolce con aromi artificiali...).

Qui, mi sono vagamente ispirata ad uno di quelli assaggiati in California, molto fresco e spumoso (senza cottura e con panna montata nella crema) ma poi gli ho dato un aspetto striminzito europeo (e un po' tropppo cremoso visto che si stà sciogliendo dall'emozione davanti all'obiettivo, lo so' non sono paziente ;-).
Ho pensato a dei sapori di fine estate-vacanza: il cocco e i mirtilli, accostamente delizioso gà assaggiato in uno smoothie. E poi i mirtilli sono un'altro di quei fruttini molto amati dagli americani, i blueberry muffins non possono mai mancare a colazione ad esempio.
Per tornare al dolce, ho usato della gelatina in polvere neutra (non quella che sa' di carne) molto usata dai professionisti per la sua praticità, precisione, nonchè igiene. In effetti è molto comoda: la si fa' sciogliere direttamente nell'acqua e prende forma. Per le proporzioni bisogna calcolare il doppio della gelatina in fogli, e 5 volte il peso d'acqua.
Il sapore del cocco, nelle base dei biscotti e nella crema, è sottile, discreto e accompagna bene la freschezza dei mirtilli. Naturalmente questa versione si presta a modifiche, sia "fruttifere" ma potete anche eliminare il latte di cocco e sostituirlo con panna montata per un aspetto più spumoso (e presentabile ;-). Semplice e buono come un cheesecake...

N.B. Non mancate venerdi', ci sarà una bella sorpresa per voi ;-)

Cheesecake al coco e mirtilli (senza cottura) (per 4-6 persone)

Per i biscotti al cocco (ne rimarrano), per il dolce ne basteranno 180 g
- 125 g di noce di cocco grattuggiata (farina)
- 100 g di zucchero
- 2 uova medie (100 g)
Per la crema e la base:
- 100 g di burro
- 200 g di formaggio Philadelphia
- 100 g di zucchero a velo
- 1 cucchiaio di noce di cocco grattuggiata
- 80 g di buon late di cocco (o di crema di cocco)
- 20 g di panna fresca intera
- 2 cucchiai da tè rasi di gelatina in polvere neutra + 30 g d'acqua tiepida-calda (o 2 fogli di gelatina, 4 g)
- mirtilli freschi

1. Preparare i biscotti al cocco (anche in anticipo, la viglia, si conservano bene). Scaldare il forno 200°C. Mescolare gli ingredienti fino ad ottenere un impasto omogeneo. Formare delle palline o dei dischi e cuocere per un quarto d'ora circa finché diventano dorati (i tempi dipenderanno anche dallo spessore dei biscotti). Lasciarli raffreddare su un griglia.
2. Preparare il dolce. Far sciogliere il burro. Frullare i biscotti al cocco poi versare il burro fuso tiepido o freddo. Con quest'impasto formare una base di biscotti in uno stampo a cerniera o ancora meglio un cerchio da pasticceria poggiato su un placca coperta di pellicola o carta forno. Mettere in frigorifero per almeno mezz'ora.
3. Con una frusta montare delicatemente il formaggio con lo zucchero e il cocco (non deve diventare liquido). Far gonfiare la gelatina in polvere nell'acqua per 5-10 minuti (o ammollare i fogli di gelatina in abbondante acqua fredda per un quarto d'ora poi farla sciogliere a fuoco lento). Sciogliere la gelatina nella panna scaldata. Far un po' raffreddare.
4. Mescolare il latte di cocco e la panna con la gelatina al formaggio dolce. Versare questa crema sulla base di biscotti, cospargere di mirtilli e mettere in frigorifero per una notte (per guadagnare tempo si puo' mettere prima in freezer per un paio d'ore). Servire fresco.


Piccola informazione per i patiti dei macarons. Conoscete sicuramente Mercotte la maghetta dei macarons (e non solo) e il suo bellissimo blog. Vi ho già parlato con grande entusiasmo del suo libro Solution macarons che trovo molto riuscito (con bellissime foto di Sigrid Verbert), tutti i trucchi, gli accorgimenti, delle belle ricette... Ebbene, Mercotte ne ha lanciato un'applicazione universale (iPod touch, iPhone et iPad), per il momento in francese.
Per maggiori dettagli potete andare vedere qui.


Blueberry

47 commentaires:

  1. a me piace soprattutto perchè la vedo lì che cola!!! sa proprio di dolcino godurioso :P
    un bacione :*

    RépondreSupprimer
  2. Mmmhhhh, vraiment tentant! Un joli dessert.

    Bises,

    Rosa

    RépondreSupprimer
  3. Bellissimo, te lo già detto;)
    Aspetto il venerdì, non mi mancherò: sono curiosa;))
    Un bacione

    RépondreSupprimer
  4. Visto che per ora di fare dolci al cucchiaio non se ne parla, potrei rubarti pero' i biscotti al cocco!

    Devo assolutamente inaugurare il libro di mercotte, comprato praticamente appena usci'. Voglio il tempo!! Tanto tempo a disposizxione per stare nella mia cucina. E pure con il marito. Voglio troppo lo so, eh eh!
    Un abbraccio :)

    RépondreSupprimer
  5. Che accoppiata cocco-mirtillo mi piace un sacco! brava, brava Edda :-) Venerdì ci sarò di sicuro
    A presto

    RépondreSupprimer
  6. hmmmmm che buonooooooooooooooooo! e sopratutto non vedo l'ora che arrivi venerdì :-)
    che succede?????
    baci Ely

    RépondreSupprimer
  7. Ravissant, gourmand, et tes photos sont superbes !

    RépondreSupprimer
  8. A me la tua versione ipercremosa piace tantissimo, senza contare che in freezer ho una scorta di mirtilli da far invidia all'insana passione degli statunitensi per questo frutto!

    RépondreSupprimer
  9. Pensa che credevo che l'effetto cremoso dei mini cheesecakes fosse voluto per far venire ancor più l'acquolina a chi osserva la foto, perché per me così è stato :) Mi incuriosisce molto la gelatina neutra che hai utilizzato, che tu sappia è possibile acquistarla in Italia oppure anche in Francia on line? :)

    RépondreSupprimer
  10. Edda!! che bella idea fatto così sul biscotto!!

    RépondreSupprimer
  11. veramente un dolce buonissimo e molto buona l'idea dei biscotti al cocco!

    RépondreSupprimer
  12. Edda, ta recette me met l'eau à la bouche!!!

    RépondreSupprimer
  13. C'est bien appétissant tout ça dis moi !! et un grand merci pour le clin d'œil Iphone

    RépondreSupprimer
  14. Credo che non saprei resistere se li avessi sotto mano! Sei bravissima!
    Un abbraccio

    RépondreSupprimer
  15. la base de le gâteau au fromage semble très délicieux! j'aime bien votre création, alors..je vais garder cette recette, merci :)

    RépondreSupprimer
  16. che bello quel mirtillo solitario, una bellissima foto! ...certo che sulla cheesecake è meglio.... ;-P
    Francesca

    RépondreSupprimer
  17. La gelatina in polvere neutra mi manca all'appello delle mie sperimentazioni, ma vorrei provare soprattutto per una cheesecake, dolce che adoro e che se un domani potrò mai assaggiare negli Sati Uniti mi farà diventare molto molto grassotella!

    RépondreSupprimer
  18. Edda, j'adore le coco et les myrtilles. Je suis assez gourmande et ce cheesecake-cremeux je chercherai de le faire avec ta recette.
    Bisous.

    RépondreSupprimer
  19. edda quando si parla di cheesecake lo sai io corro visto, che li adoro e questi mini sono favolosi...quella crema cosi invitante e la base deliziosa al cocco il tutto decorato con delicati mirtilli...insomma li adoro!!baci imma

    RépondreSupprimer
  20. Que rico. vaya mezcla explosiva!!. me apasiona......

    RépondreSupprimer
  21. Ho visto le foto su flickr e mi sono precipitata a vedere questa meraviglia... Complimenti Edda, ma per tutto. Foto, ricetta, styling,...
    Sono molto curiosa per la sorpresa di venerdì! ;)

    RépondreSupprimer
  22. troppo buonooooo! Io i lcheesecake lo adoro, in tutti i modi, freddo, cotto... e in tutte le salse! Ma questo... beh lo trovo fantastico! Ottima ricetta!

    RépondreSupprimer
  23. a me piacciono molto i cheesecake ma negli stati uniti pur ammirandoli con gli occhi che mi luccicano, proprio per le loro dimensioni non ho il coraggio di prenderli a parte una volta a San Francisco dove ne ho preso una fetta e non finendola me l'hanno sistemata nella doggy bag senza che gliel'avessi chiesto, così ci ho fatto la colazione il giorno dopo ;-)

    i tuoi invece sono alla mia portata, e gradirei molto, ciauzzzzzzz

    RépondreSupprimer
  24. Très jolie photo de cheesecake, ils ont l'air très bon !

    RépondreSupprimer
  25. Adoro cheese cake e mirtilli e la versione mignon è perfetta ....
    Qui ho difficoltà a reperire i mirtilli ....

    RépondreSupprimer
  26. La gelatina in polvere neutra è vegetale?

    RépondreSupprimer
  27. bellissima questa versione monoporzione!!!E ora sono anche curiosissima per venerdì!!!

    RépondreSupprimer
  28. humm, quel délice!on salive!bonne journée!

    RépondreSupprimer
  29. Très joliment dresser !! j'adore cette assortiment
    Je te souhaite une belle journée
    Valérie

    RépondreSupprimer
  30. Certo che è proprio bello il tuo blog... son contenta di averlo scoperto (peccato solo per la pubblicità che si apre ogni volta in automatico ;). Le immagini sono fantastiche e le ricette decisamente chiccose.
    Cocco e mirtilli è un abbinamento che mi manca.

    RépondreSupprimer
  31. cheesecake cremosa ai mirtilli = paradiso! io di solito non le amo molto perchè troppo pesanti, questa invece mi sembra davvero perfetta!

    RépondreSupprimer
  32. Adoro queste foto e immagino il sapore fresco di questi piccoli capolavori...non posso fare altro che ammirare!!!Bacio

    RépondreSupprimer
  33. Che meraviglia...
    Cucchiaini bellissimi, poi!
    Buona giornata,

    wenny

    RépondreSupprimer
  34. @ Alice :-D

    @ Rosa: merci!

    @ Oxana: grazie e a presto!

    @ Ciboulette, i biscotti al cocco sono facilissimi, leggeri e neanche tanto dolci. Si' prova il libro di Mercotte, anche solo una crema o una ganache (certo con i macarons è meglio) ci sono ottime basi :-) Un abbraccio anche a te

    @ Nepitella: si' una bella accoppiata, grazie :-)

    @ Ely: grazie! Tranquilla nessuna rivoluzione giusto una cosina (un assaggio ;-)

    @ Tiuscha: merci beaucoup!

    @ Onde99: allora devi provare

    @ Sara: grazie, hi hi ci ho pensato, veniva da mangiarlo anche a me. La gelatina in polvere qui si trova nei supermerati (o negozi professionali). Comunque ho letto che la fa' anche Vahiné, che forse si trova alla metro. Ho guardato un po' su internet, parecchi siti che non conosco la vendono, ti consiglio quindi Meilleur du Chef: un grande sito francese affidabile che vende veramente di tutto per la cucina.
    Per quanto riguarda l'uso, come i fogli di gelatina (anch'essi neutri ;-) richiede un passaggio al caldo, acqua tiepida e poi eventualmente incorporazione in una piccola parte di liquido caldo (qui la panna ad esempio)

    @ Giulia: grazie!

    @ Lucy: ti piace l'idea? :-)

    @ Lolo: je suis contente!

    RépondreSupprimer
  35. @ Mercotte: si tu aimes alors... ;-) De rien!

    @ Marifra: grazie :-)

    @ Les rêves d'une boulangère: merci et bienvenue! Oui la base est très simple, assez légère et as trop sucrée. Si vous tentez tenez-moi au courant.

    @ Acquolina: ;-) grazie

    @ Elga: è la gelatina classica (tipo quella in fogli) ma in polvere per permetere un miglior dosaggio, nessun contatto con le mani ecc. (anche se mi trovo benisimo con i fogli :-). L'uso è un pochino diverso come dicevo più sù, si gonfia nell'acqua tiepida gelificandosi e poi si incorpora direttamente in un po' di liquido scaldato e poi in tutto il resto. E' comodo.
    Mi hai fatto ridere con gli Stati Uniti, s' li' non si dimagrisce, anzi ;-) e le porzioni soprattutto dei dolci sono grandi.

    @ Virgikelian: comme toi j'aime beaucoup les myrtilles et je trouve cette association avec le coco réussie. Tiens-moi au courant!

    RépondreSupprimer
  36. @ Imma: grazie per il tuo bel entusiasmo. Lo so' che hai un debole, infatti ho pensato a te scrivendo l'articolo :-) Baci

    @ Anna:gracias!

    @ Carolina: tu sei troppo carina; grazie di cuore :-)

    @ Pauline: merci!

    @ Mirtilla: anche a me piacciono molto, grazie!

    @ Astrofiammante: ti capisco benissimo, si è quasi impressionati dai grattacieli di cheesecake, non sembrano veri. Mi hai ricordato i doggy bag ovunque... Beh questi sono molto più europei che americani, base leggera, piccoletti e bassini.. Te ne mando volentieri

    @ Chef Damien: merci beaucoup pour ton passage!

    @ Milena: sono come te :-) Puoi sostituire i mirtilli con i lamponi, i ribes o anche le fragole che si sposano bene con il cocco. No, la gelatina in polvere è quella classica. Penso che eventualemnte puoi sostituirla con dell'agar agar (modificando proporzioni e procedimento). Mi hai fatto venire in mente che alcuni Chef pasticceri usano sia l'agar agar che la gelatina classica in polvere in una sola preparazione, dovrei provare, sono curiosa sull'effetto.

    @ UnazebrApois: si' molto monoporzione, tutti ristretti come noi europei :-) Anch'io la preferisco cosi', è meno impegnativa

    @ Ana: merci! Bonne journée

    @ Valérie: merci, à toi aussi!

    @ parentesi culinaria: grazie per le tue parole e hai fatto benissimo a segnalarmi la pubblicità super intrusa, la vedi ancora? Ultimamente ho avuto grossi problemi informatici e forse è li' che s'è infilata. Spero che non appaia più (non so' neanche cos'è ;-)
    Prova l'abbinamento, è buono...

    @ BreadandBreakfast: allora è per te, piccolino, leggero, non molto dolce e fruttato. Grazie!

    RépondreSupprimer
  37. @ Ambra: grazie tante, hai colto un po' lo spirito del dolce :-)

    @ Wennycara: troppo gentile grazie! Mi sono divertita con i cucchiaini e i colori :-)

    RépondreSupprimer
  38. davvero buono e poi con i mirtilli....

    RépondreSupprimer
  39. Che bel mix di sapori...e che carini così presentati mono porzione!
    sempre stupefacente:)

    RépondreSupprimer
  40. Ça y est, je succombe littéralement:)) Bon jeudi!!xxx

    RépondreSupprimer
  41. toujours un vrai régal tes recettes, un vrai plaisir des yeux. bisous

    RépondreSupprimer
  42. J'ai un peu de mal avec la noix de coco râpée mais il est super joli ton cheese cake.

    RépondreSupprimer
  43. Ma allora non sono l'unica a pensare che lì (Stati Uniti) è davvero tutto più grande! Dalle strade ai pomodori, giusto per dire! E poi vogliamo parlare delle torte! Quanto saranno alte, mezzo metro?
    Buonissima la base! Quella classica biscotti e burro proprio non la mando giù!
    Un bacio

    RépondreSupprimer
  44. Ciao, ti ho scoperta grazie al sito "al cibo commestibile" e alla vostra nuova rivista online (a proposito...congratulazioni)....mi piace tanto il tuo blog e le tue ricette e.....il fatto che tu sia bilingue :-D
    A presto e complimenti

    RépondreSupprimer
  45. Merci à tous!

    @ Dodo': si' è veramente cosi' al punto che mi sono chiesta come fanno quando vengono da noi, in particolare a Parigi dove tutto è piccoletto, si sta' stretti e si va' di frettissima, insomma un sacrificio...poi forse fa' anche parte del fascino del diverso e piace ;-) Questa base è veramente leggera e discreta, un po' una scusa per la crema

    @ Sonia: grazie mille per il commento e benvenuta!

    RépondreSupprimer
  46. Non vedo più la stessa, ma ne vedo un'altra. Prima c'era quella di una veggente-cartomante-chiromante. Ora questa:
    http://www.betclic.it/register.aspx
    ma credo sia sempre la stessa fonte...
    Ciao! :)

    RépondreSupprimer